Awamori: il Sake di Okinawa!

Non tutti sanno che in Giappone col termine sake si indicano le bevande alcoliche in generale. Quello che noi chiamiamo Sake è in realtà il Nihonshu (“alcol giapponese”). Ordinando Sake mentre vi trovate in Giappone verrete a contatto con diverse bevande. Nel caso di Okinawa potete provare una bevanda distillata chiamata Awamori. Praticamente prodotta solo a Okinawa, l’Awamori è un distillato molto forte, con un titolo alcolometrico che oscilla tra il 20% e il 45%, anche in base a quanto viene invecchiato. Come per il Nihonshu invecchiando prende la denominazione di Koshu. Il clima caldo di Okinawa rende impossibile la produzione di una bevanda come il Nihonshu, per questo motivo Okinawa si è specializzata a produrre awamori.
Un altro nome usato a Okinawa è “Sake dell’isola” (島酒 shima-zake), o abbreviato Shima.
Può essere bevuto “liscio”, on the rocks, oppure allungato con acqua.
È persino possibile trovare dell’Awamori con all’interno della bottiglia il serpente tipico di Okinawa, molto velenoso, che dona quel tocco di folklore che in Giappone non manca mai!
Potete vedere nella nostra galleria di immagini a fine articolo diverse bottiglie di Awamori.
La prossima tappa sarà Kyoto, dove visiteremo due delle cantine che producono ENTER.Sake.

A presto! KANPAI!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento