Milanosake | UMAMI CLUB!
493
post-template-default,single,single-post,postid-493,single-format-standard,theme-_bridge,woocommerce-demo-store,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

UMAMI CLUB!

28 Nov UMAMI CLUB!

Ciao a tutti! Oggi vogliamo raccontarvi di un progetto nato in Inghilterra e che riguarda trasversalmente anche il nostro amato Nihonshu: stiamo parlando di Umami Club.
Il progetto fa capo a Xavier Chapelou e Jacopo Armenio, Umami Club è, citando le parole di Jacopo (che abbiamo incontrato e con cui abbiamo diviso una interessantissima cena poche settimane fa a Londra): “un portale dedicato interamente al quinto gusto e ciò che gira intorno ad esso. Umami club intende essere un magazine che parla e racconta di umami e allo stesso tempo un club per organizzare serate, per socializzare e creare nuove amicizie tra persone che anitano nella stessa zona, intorno alla passione per il mangiare e il bere, trovando un momento di pausa dai ritmi frenetici della città”
Ma cos’è il gusto umami? Anche qui possiamo utilizzare le parole di Jacopo: “Scoperto in Giappone 100 anni fa, sta trovando ora la sua strada nella cultura occidentale. Umami è sinonimo di buona cucina, in quanto saporito, ma anche di alimentazione sana. Lo si trova in cibi come la carne, il pesce fino al formaggio e verdure.“
Letteralmente traducibile come sapido, il gusto Umami è proprio della cucina giapponese, e per questo spesso associato nell’ambiente anche al Sake. Nelle serate organizzate da Umami Club, infatti, spesso gli abbinamenti vengono fatti con quest’ultimo, essendo Xavier un Sake sommelier di fama internazionale e presidente della SSA.
La location della cena non è stata casuale: infatti abbiamo avuto il piacere di provare la rinomata cucina della Shochu Lounge, riconducibile alla catena Roka. Inutile dire che il cibo umami sia stato il grande protagonista, con piatti come anatra, agnello o granchio e tanta salsa di soia!
Sarebbe possibile proporre una iniziativa di questo tipo anche in Italia? Di certo la cultura culinaria del nostro paese è molto alta, superiore mediamente a quella del Regno Unito, anche per quanto riguarda la fascia più giovane della popolazione.
Sicuramente a noi piacerebbe, potendo coltivare ancora di più la nostra passione per il Sake, e potendo esplorare il terreno dell’accopiamento con diversi cibi.

Vi terremo informati! A presto e… KAMPAI!



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi